Artrite Reumatoide

Artrite Reumatoide

Artrite Reumatoide – Compressione bulbo-midollare ventrale da pannus reumatoide decompressione transorale e stabilizzazione occipito-cervicale sincrona

In questo articolo affrontiamo il caso di  un paziente di anni 56 affetto da artrite reumatoide.

Giungeva alla nostra osservazione per l’esacerbarsi di una sintomatologia insorta circa 3 anni prima caratterizzata da parestesie localizzate dapprima all’estremità distali degli arti superiori e poi diffuse a tutto l’emisoma sinistro associate a marcata ipostenia agli arti inferiori.

Uno studio di RM della cerniera occipito-cervicale documentava la presenza di una compressione anteriore a livello del passaggio bulbo-midollare, determinata da materiale di verosimile natura flogistico-degenerativa e dalla dislocazione posteriore del dente dell’epistrofeo.

L’esame neurologico era caratterizzato da un quadro di grave tetraparesi spastica (classe III B sec. Ranawat) con deficit di forza maggiormente accentuato all’emilato sinistro.

Deambulazione di tipo parapareto-spastica, ipoestesia all’emilato destro con maggiore accentuazione tra C4 e D7, iperelicitabilità dei riflessi osteotendinei su tutti i punti di repere.

Tale sintomatologia ed il quadro neuroradiologico imponevano il trattamento chirurgico.

Il paziente, previa tracheostomia, veniva sottoposto ad intervento chirurgico di decompressione anteriore per via transorale consistente nella rimozione del dente dell’epistrofeo, della massa laterale di C2, che appariva iperostosica, e del pannus infiammatorio-degenerativo.

Dopo questo primo step chirurgico, nella stessa seduta operatoria, il paziente veniva sottoposto a stabilizzazione occipito-cervicale.

Per questo caso viene di solito utilizzato il sistema Mini-CCD in titanio con innesto di frammenti ossei autologhi prelevati dalle prime vertebre cervicali e dalla squama occipitale.

Ricovero Artrite Reumatoide

Dopo un iniziale ricovero per circa 24 ore in terapia intensiva, il paziente veniva trasferito di nuovo in reparto dove proseguiva il decorso post-operatorio con il supporto di un intenso trattamento riabilitativo fisioterapico.

Clinicamente si assisteva ad un rapido e marcato miglioramento sia della sintomatologia sensitiva soggettiva ai quattro arti che della deambulazione.

Studi diagnostici, quali Tc spirale C0-C3 ed Rx cervicale post-operatori, mostravano una completa rimozione del dente dell’epistrofeo con un buon posizionamento del sistema di sintesi posteriore ed un’ottima decompressione ventrale.

Discussione Artrite Reumatoide

L’approccio transorale è considerato una procedura standard nel trattamento delle lesioni ventrali della cerniera occipito-cervicale.

Un largo spettro di patologie potrebbero interessare tale regione anatomica: malformative, tumorali e degenerativo-infiammatorie come l’artrite reumatoide e la spondilite anchilosante.

L’artrite reumatoide per definizione è una sinovite infiammatoria persistente; l’elemento distintivo della malattia è costituito dall’infiammazione sinoviale che determina distruzione delle cartilagini, erosioni ossee e, in seguito, deformità articolari.

La maggiore distruzione si verifica in corrispondenza del contatto con la sinovia infiammata, o pannus, che si allarga per ricoprire la cartilagine articolare.

Il coinvolgimento della giunzione occipito-cervicale si verifica nel 44-88% dei casi.

Tre sono i più comuni quadri radiologici riscontrabili nei pazienti affetti da artrite reumatoide a livello della giunzione cranio-cervicale:

– La sub-lussazione atlo-assiale anteriore
– L’impressione basilare
– Il pannus

Infiammazioni Artrite Reumatoide

Inoltre il coinvolgimento infiammatorio della cerniera occipito-cervicale causa erosione del processo odontoideo, decalcificazione ed indebolimento dell’inserzione del legamento traverso all’atlante.

La disorganizzazione strutturale della giunzione occipito-cervicale comprende in danno capsulare, il progressivo danneggiamento ed indebolimento dell’intero supporto legamentoso (legamento crociato, legamenti alari, legamento apicale) e la distruzione della componente ossea.

Nella nostra esperienza si è ritenuto opportuno intervenire nella stessa seduta operatoria sia con la decompressione anteriore del sacco durale attraverso un approccio transorale che con una fissazione posteriore occipito-cervicale avendo considerato instabile la giunzione occipito-cervicale già durante il planning neuroradiologico pre-operatorio.

In questo particolare caso per la sua gravità neurologica, è stata eseguita la tracheostomia pre-operatoria al fine di prevenire nell’immediato post-operatorio le complicanze respiratorie dovute all’edema della lingua o del faringe.

La cannula tracheostomica viene rimossa in genere dopo 24-48 ore.

Preparazione Pre Operatoria per Artrite Reumatoide

Durante la preparazione pre-operatoria il palato molle, previa sua legatura con due cateteri in silicone fatti passare attraverso le narici, viene retratto nel rinofaringe.

In tal modo vi è una visione più ampia al campo operatorio evitando l’incisione stessa del palato molle che potrebbe esitare in complicanze quali la rinolalia ed importanti processi cicatriziali.

La stabilizzazione sincrona, a nostro avviso, garantisce l’immediata stabilità della colonna cervicale prevenendo l’alto rischio di una dislocazione atlo-occipitale e consente la precoce mobilizzazione del paziente evitando le complicanze di una immobilizzazione prolungata.

 

Bibliografia

1) Crockard HA, Calder I, Ransford AO. One-stage transoral decompression and posterior fixation in rheumatoid artrhitis. An analysis of 45 patients with cranial settling. J Bone Joint Surg (Br) 1990;72-B:682-85.
2) Crockard HA, Pozo JL, Ransford AO, Stevens JM, Kendall BE, Essigman WK. Transoral decompression and posterior fusion for rheumatoid atlanto-axial subluxation. J Bone Joint Surg (Br) 1986;68:350-56.
3) Crockard HA. Spine Update. Surgical Management of Cervical Rheumatoid Problems. Spine 1995;20(23):2584-590.
4) Di Lorenzo N, Fortuna A, Guidetti B. Craniovertebral junction malformations. Clinicoradiological findings, long-term results, and surgical indications in 63 cases. J Neurosurg 1982;57:603-08.
5) Di Lorenzo N. Craniocervical Junction Malformation Trated by Transoral Approach. A Survey of 25 Cases with Emphasis on Postoperative Instability and Outcome. Acta Neurochir (Wien) 1992;118:112-16.
6) Di Lorenzo N. Transoral approach to extradural lesions of the lower clivus and upper cervical spine: an experience of 19 cases. Neurosurgery 1989;24:37-42.
7) Dickman CA, Locantro J, Fessler RG. The influence of transoral odontoid resection on stability of the craniovertebral junction. J Neurosurg 1992;77:525-30.
8) Dickman CA, Spetzler RF, Sonntag VKH, Apostolides PJ. Transoral approach to the Craniovertebral Junction. In Dickman CA, Spetzler RF, Sonntag VKH, eds. Surgery of the Craniovertebral Junction. New York: Thieme, 1998:355-69.
9) Menezes AH, van Gilder JC, Clark CR, El-Khoury G. Odontoid upward migration in rheumatoid arthritis. An analysis of 45 patients with “cranial settling”. J Neurosurg 1985;63:500-09.
10) Ranawat CS, O’Leary P, Pellicci P, Tsairis P, Marchisello P, Dorr L. Cervical Spine Fusion in Rheumatoid Arthritis. J Bone Joint Surgery 1979;61-A:1003-10.

 

Torna all’elenco delle Patologie di Neurochirurgia

Ultimo aggiornamento: maggio 2002.